E' in spedizione ai soci della Capdi e delle associazioni confederate il n.1 del 2019 della rivista “EF La rivista di Educazione fisica, scienze motorie e sport”. Novità: Gli iscritti alla Capdi & LSM e alle associazioni confederate entro il 30 marzo 2019, ricevono con il primo numero della rivista EF, il CD contenente i numeri a colori della Rivista EF pubblicati negli anni 2016-17 La rivista è trimestrale e viene spedita ai soci individuali Capdi e soci delle associazioni federate in regola con l’iscrizione, presumibilmente, per il 2019: n.1 maggio – n.2 agosto – n.3 novembre – n.4 febbraio 2020. In questo sito viene comunicato, di volta in volta, la spedizione della rivista ai soci. Dopo un mese circa dalla comunicazione, nel caso il socio non avesse ancora ricevuto il numero della rivista spedito, è invitato a scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. I soci delle associazioni federate scrivono invece al loro presidente-referente. Questo permette un controllo dei dati e dell’indirizzo del socio. Se l’errore è della Capdi verrà rispedito il numero della rivista con posta ordinaria. La Capdi & LSM ringraziando il comitato di redazione di EF e i collaboratori del numero in uscita augura a tutti una buona lettura.

Rivista EF aprile (93 KB)

Sommario aprile 2019 rivista EF (140 KB)

Altri numeri pubblicati

Collabora con la rivista

Archivio 2011-2015 (solo per i soci registrati)

Abbonati alla rivista

"Lo sport agonistico moderno è caratterizzato da processi di ottimizzazione integrati. Inquesto contesto in un primo test si è cercato di analizzare in quale misura i calciatori di elite possano sfruttare maggiormente le potenzialità offerte da un buon sonno. IL fulcro dello studio era costituito dalla ricerca e dalle possibilità di implementazione di soluzioni efficaci e nel contempo prtaicabili per migliorare la qualità del sonno dei giocatori e per ottimizzare il loro comportamento in relazione al sonno mnell'ottica delle parteite da svolgere." Biologia dello sport. Dormire per migliorare le prestazioni Mathias Kleine-Möllhoff - Rivista SDS n. 120

Visita il sito della rivista

“A differenza delle grandi scimmie nostre cugine, noi esseri umani abbiamo bisogno di livelli elevati di attività fisica per essere in salute”…”I nostri parenti viventi più stretti, le grandi scimmie antropomorfe, hanno bassi livelli di attività fisica, ma questa pigrizia non ha effetti negativi sulla loro salute. Per gli esseri umani, invece, l’evoluzione ha reso necessario un livello elevato di attività fisica per restare in salute. Nuovi studi rilevano che negli ultimi due milioni di anni ci sono stati cambiamenti anatomici e comportamentali, e anche nella fisiologia. La nostra fisiologia si è adattata all’attività di uno stile di vita basato su caccia e raccolta”…”I cacciatori-raccoglitori sono notevolmente attivi, percorrono a piedi dai 9 ai 14 chilometri al giorno, dai 12.000 ai 18.000 passi circa. Il lavoro di David Raichlen, dell’Università della California e Los Angeles, e di H. Pontzer (Duke University Carolina del Nord) presso la popolazione degli Hadza, cacciatori-raccoglitori della Tanzania settentrionale, mostra che uomini e donne di questo gruppo fanno più attività fisica in un giorno che gli statunitensi tipicamente in una settimana; e si spostano giornalmente su distanze da tre a cinque volte superiori rispetto alle grandi scimmie.

” Rivista “Le Scienze” Aprile 2019 Herman Pontzer (professore associato di antropologia evoluzionistica presso la Duke University - Carolina del Nord)

Visita il sito della rivista Le Scienze

Il rock’n’roll è molto di più di sottogonne svolazzanti ed Elvis Presley. Il rock’n’roll è un ballo sportivo, dinamico, moderno. Un ballo molto variato che può essere integrato con facilità nelle lezioni di educazione fisica. Il presente tema del mese si prefigge proprio l’introduzione di questa disciplina affascinante e interessante per gli allievi nell’insegnamento.

Visita il sito di mobilesport

"Salti e saltelli sono esigenze fondamentali per i bambini. Saltando verso l’alto, verso il basso o sopra gli ostacoli, essi sperimentano sul loro corpo la velocità, la sensazione di volare e scoprono diverse percezioni dello spazio. Questo tema del mese dimostra il percorso evolutivo dai primi timidi saltelli a un vero e proprio salto mortale in avanti grazie a una pedana gonfiata ad aria. Una base elastica permette di eseguire innumerevoli salti e di vivere tutta una serie di esperienze di movimento. Il fascino dei trampolini per grandi e piccini sta anche in questo! Una realtà testimoniata anche dal crescente numero di tappeti elastici da esterno, ormai dilaganti nei giardini privati e nei parchi giochi. Anche i parchi trampolini e i parchi giochi indoor godono di sempre maggiore attrattiva e spuntano come funghi."

Visita il sito di mobilesport

L’ABC dei salti sull’airtrack

E' stato pubblicato il n. 2 del 2018 della rivista EF.

Indice rivista EF luglio 2018 (104 KB)

Il termine rock’n’roll evoca l’immagine del re di questo stile musicale degli anni ’50: Elvis Presley. Da allora, con il boogie woogie e il rock’n’roll, si è assistito alla nascita di discipline sportive molto dinamiche. Due stili di ballo, questi, in grado di accendere l’entusiasmo sia di ragazze che di ragazzi. Le figure acrobatiche semplici infondono varietà e permettono di lanciare nuove sfide agli allievi. Il rock’n’roll è un allenamento cardio ideale. Chi lo pratica saltella costantemente e si ritrova così a sudare parecchio. La musica carica di ritmo dà energia e contribuisce a creare una bella atmosfera. Senza dimenticare che il rock’n’roll aiuta anche a consolidare lo spirito di gruppo. I cambi di partner regolari permettono a tutti gli allievi di incontrarsi e di ballare insieme (tutti ballano con tutti).

Visita il sito di mobilesport

Care Lettrici e cari Lettori, poco tempo fa un quotidiano nazionale ha pub- blicato un articolo di Giordano Tedoldi che, prendendo spunto da una circolare di un preside di una scuola del siracusano, in cui si vieta agli alunni di portare durante l’ora di scienze moto- rie e sportive, piercing, bracciali, spille, unghie ricostruite... ha avuto la brillante idea di scri- vere il pezzo: “Aboliamo l’ora di ginnastica, ai ragazzi non piace più”.

"Con la campagna «In montagna a passo sicuro», sostenuta da Sentieri Svizzeri, dall’upi – Ufficio prevenzione infortuni – e da Funivie Svizzere nonché dagli sponsor principali Atupri e Athleticum, si punta a meno infortuni e a più divertimento in montagna. Ogni anno, oltre 8’500 persone si infortunano facendo trekking, di cui una quarantina mortalmente. La maggior parte di questi infortuni potrebbe essere evitata dando la giusta importanza alla pianificazione, alla valutazione, all’equipaggiamento e al controllo. È questo l’obiettivo perseguito dalla campagna «In montagna a passo sicuro». Dal 2013 fino al 2015 i messaggi saranno divulgati principalmente dai gestori degli impianti di risalita e dai promotori del turismo locali mediante manifesti e opuscoli informativi."

Visita il sito dell'iniziativa

SHAPE America stabilisce gli standard per la salute e l'educazione fisica negli Stati Uniti.Gli standard nazionali servono come base per programmi di educazione fisica in tutto il paese. Nell’autunno del 2017 è prevista la pubblicazione della nuova edizione. Sul sito della associazione sono disponibibii numerose pubblicazioni. Gli standard nazionali definiscono ciò che uno studente dovrebbe conoscere e essere in grado di fare a seguito di un programma di educazione fisica.

Il 50 percento delle lesioni al legamento crociato anteriori sopraggiunge fra i 15 e i 25 anni. Anche nei giovani sportivi le conseguenze possono essere molto gravi. Esistono comunque dei programmi di prevenzione per evitare il peggio. Le donne sono da quattro a sei volte più colpite da infortuni ai legamenti. La funzione del legamento crociato anteriore è molto importante per la mobilità del ginocchio. Garantisce la stabilità e il controllo di quest’ultimo durante movimenti di flessione, tensione e rotazione. Inoltre impedisce un trasferimento in avanti troppo brusco della tibia, nonché una tensione eccessiva del ginocchio durante i contatti al suolo.