"Le disposizioni per i tecnici federali che andranno nelle scuole sono offensive per i docenti e derisorie verso Ministero e il Comitato. Mentre, con fatica, cercavamo di analizzare il tomo Joy of moving redatto all’interno della politica sociale ed educativa della Ferrero abbiamo visto la nota della Fidal in merito alla sperimentazione “scuole aperte”. Tomo è il termine corretto perché oltre alle 640 pagine del libro esistono decine di filmati che ancor meglio spiegano l’insieme dei concetti teorici.La fatica viene dal fatto che per comprendere il lavoro degli Autori e la finalità dell’opera è necessario applicarsi con la massima cura.

ITF (Independent Teachers' Foundation) offre a candidati qualificati e motivati la possibilità di effettuare una esperienza di lavoro durante la stagione estiva, come membri del team di assistenza ed animazione di gruppi di giovani in età scolare partecipanti a viaggi studio all’estero. Periodo: da metà giugno a fine agosto 2018. Sedi di lavoro: Gran Bretagna, Irlanda, Malta, Francia, Spagna, Germania. Per candidarsi, collegarsi al sito: www.itfteach.it e cliccare sul profilo prescelto per accedere al form.

ITF opportunita lavoro 2018 (326 KB)

I numeri sono sempre più difficili da ignorare: nella Regione europea dell’Oms nel 2013, oltre il 50% della popolazione adulta era in sovrappeso e oltre il 20% obesa. Dalle ultime stime fornite dai Paesi Ue emerge che il sovrappeso e l’obesità affliggono, rispettivamente, il 30-70% dei bambini e il 10-30% degli adulti. Guardando ai dati nazionali, si nota come la tendenza all’obesità non correli né con il Pil, né con la latitudine. In testa alla classifica del sovrappeso troviamo infatti

Il Miur con nota 6141 del 20 novembre con oggetto: - Sperimentazione “ Scuole aperte allo sport” per le scuole secondarie di 1° grado – Individuazione scuole partecipanti – apre una nuova stagione per l’attività sportiva scolastica: i docenti non sono più gli insegnanti di educazione fisica ma i tecnici delle federazioni sportive. Una scuola per provincia sperimenterà nell’a.s 2017/2018 il nuovo progetto. Con la motivazione di: favorire la pratica motoria e sportiva e realizzare percorsi per la diffusione dei valori educativi dello sport – anche in relazione alla prevenzione e contrasto del fenomeno del bullismo – il Miur sposa il progetto del Coni.

Comunicato CAPDI num 17 del 7 dicembre (427 KB)

il DDL della Stabilità 2018 introduce molte misure a sostegno dello sport. In particolare segnaliamo l’obbligo di prevedere nelle strutture sportive, in occasione dell’apertura al pubblico dietro pagamento di corrispettivi a qualsiasi titolo, la presenza di un direttore tecnico in possesso del diploma ISEF o di laurea quadriennale in Scienze motorie o di laurea magistrale in Organizzazione e Gestione Servizi per lo Sport e le Attività Motorie (LM47) o in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Prevendite e Adattate (LM67)o in Scienze e Tecniche dello Sport purché in possesso della laurea triennale in Scienze Motorie. 

Legge bilancio 2018 

“Imparare a riconoscere le situazioni di pericolo e le circostanze che richiedono l’intervento di un adulto o dell’ambulanza, apprendere il funzionamento e l’utilizzo di un defibrillatore e imparare manovre di primo soccorso come il massaggio cardiaco, la disostruzione delle vie aeree e di primo soccorso nel trauma.” Si tratta delle principali conoscenze e competenze che gli alunni, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di II grado, dovranno acquisire partecipando al percorso formativo “Primo soccorso a scuola”, realizzato da Miur e Ministero della Salute in collaborazione con il 118. Il progetto è stata presentato il 7 novembre dal Ministro Fedeli.

Linee guida Pronto soccorso

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), facendo seguito al protocollo d’intesa sottoscritto in data 28/11/2016, con il sostegno del Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e di diverse Regioni ed Enti Locali promuovono il progetto “Sport di Classe”. L’obiettivo è la valorizzazione dell’educazione fisica e sportiva nella scuola primaria per le sue valenze trasversali e per la promozione di stili di vita corretti e salutari, favorire lo star bene con se stessi e con gli altri nell’ottica dell’inclusione sociale, in armonia con quanto previsto dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’Istruzione, di cui al Decreto Ministeriale 16 novembre 2012, n. 254.

Sport di classe

“Aboliamo l’ora di ginnastica, ai ragazzi non piace più”, tutti a casa - La proposta è di Giordano Tedoldi, è stata pubblicata l’11 ottobre 2017 sulle pagine del quotidiano Libero. Di seguito riportiamo alcune delle lettere pervenute al nostro indirizzo email. Altri lettori ci hanno informato che sono state inviate email alla redazione del giornale. Anche il presidente della AEFL e della CAPDI hanno inviato una lettera al direttore del giornale.

Leggi l'articolo
pdf Lettera della AEFL (87 KB)
Lettera libero capdi
Lettera di Marco al prof di educazione fisica
Lettere libero docenti EF

In seguito alla decisione della 140a sessione del consiglio esecutivo di chiedere al direttore generale dell'OMS di elaborare un progetto di piano d'azione globale per promuovere l'attività fisica, il Segretariato dell'OMS sta ospitando una consultazione aperta su base web su una prima bozza dal 1 ° agosto 2017 al 22 settembre 2017.

"Oggi, che la ginnastica si chiama “scienze motorie” e che prevede test di Cooper, verifiche scritte su lattato e glicolisi, capovolte e quadri svedesi, i ragazzi non aspettano più con ansia l’ora di sport; tra loro, anzi, si dicono: “Che noia, c’è motoria!”. E a correre al posto nostro ci vanno le cubane e i ghanesi. Nulla di male, intendiamoci: ma non esiste un movimento, manca una diffusione capillare dello sport, non c’è ricambio generazionale." Dal sito Altropensiero.it

Visita il sito